Un primo marzo stridente

Ad ogni momento la sua parola
Lontano il marketing
quello puro e vincente
ma stavolta è stridente
Mi spiace signori
fa a cazzotti con la pancia della gente
Oggi è un primo marzo povero e scalzo
Lo immagino al freddo lungo un cammino
mi metto in coda, tendo una mano e gli sono vicino
Io racconto parole su un’isola felice
ma c’è chi dice
che anche Pantelleria
oggi davvero lieta non sia.
Foto di Giovanni Matta

Condividi